FacebookLinkedin Italiano | English
Home
Shop
Mostre
   2020
   2019
   2018
   2017
   2016
   2015
   2014
   2013
   2012
   2011
   2010
   2009
   2008
   2007
   2006
   archivio
Artisti
Corsi, workshops e lezioni
Noleggia la mostra
Gite culturali e visite guidate
Links
Contatti
Mostre

 Mauro Martin. Proiezioni sentimentali 3
 Mostra personale

  SpaziOfficina, Roma
  14-19 giugno 2009
Mauro Martin è un artista che non pochi addetti ai lavori definirebbero “completo”. Dal disegno alla pittura alla fotografia, i suoi molteplici campi di interesse hanno un comun denominatore, ovvero la composizione, la struttura dell’opera. Ad ogni linguaggio visivo, infatti, per Martin sottende la medesima regola: quella pulizia formale e quel rigore di impostazione che nel Rinascimento era alla base di ogni creazione artistica.
Credo debba essere questa la giusta introduzione non solo alla mostra fotografica romana, ma all’intero corpus dell’operato di Martin. La prima considerazione che permette, anche ad un pubblico di semplici amatori, di comprendere appieno lo spirito della sua ricerca.
La mostra, nel suo specifico, è costituita da cinque sezioni, alcune caratterizzate da un importante coinvolgimento autobiografico, altre dallo studio della Sezione Aurea, altre ancora da un rinnovato rapporto con la Natura e con la Storia.
Nella serie Geometrie della memoria, che dà inizio al percorso espositivo, l’artista narra di sé, mettendo in bella vista una serie di oggetti che poco svelano all’occhio di uno spettatore che non abbia accompagnato Martin in certi momenti della sua esistenza. Uno sguardo, una rosa, una lettera, un libro, un soprammobile persino, come pure le fotografie, rigorosamente in coppia, dei suoi genitori -unica facile intuizione-, sono attimi topici, eppure siamo lontani da ogni tentativo di mettersi a nudo. Martin non si offre affatto allo sguardo voyeuristico dello spettatore, che solo apparentemente guarda, ma in realtà non vede se non ciò che l’artista vuole che egli veda, ovvero degli oggetti disposti con eleganza formale, attenzione prospettica ed armonia cromatica su un piano di appoggio perlopiù neutro. Come non ricordare lo spazio metafisico di de Chirico o quel modo, tanto caro a Caravaggio e, prima ancora, alla pittura veneziana, di lasciare leggibili alcune parole e note in lettere, cartigli e spartiti, al fine di dare allo spettatore colto la possibilità di accedere ad indizi più concreti?
Nella serie Mitologie dell’infanzia Martin procede su questa stessa linea, svelando con parsimonia momenti e ricordi lontani nella memoria. Pinocchio, una piccola bambola, dei biscotti -persino questi rigorosamente geometrici-, il modellino di un’automobile, al tempo stesso gioco e simbolo di quella “torinesità” che contraddistingue Martin, sono ancora una volta indizi del suo essere uomo ed artista, a cui si affianca, stavolta in bella vista, “Il meccanismo del pensiero”: se prima la sua presenza aleggiava, ora il Pictor Optimus si fa tangibile e sommo riferimento.
La serie Regola aurea, di nuovo, mette in scena una serie di oggetti che diventano il pretesto per esprimere quella ricerca di perfezione cui ho accennato all’inizio di questo excursus e che, in virtù del convincimento della superiorità estetica che ne deriva, per secoli è stato il punto nodale della ricerca di pittori ed architetti, non meno che di musicisti e poeti. Non spetta a me in questa sede spiegare il complicato rapporto matematico che intercorre tra le singole grandezze che costituiscono un’immagine ricreata secondo tale regola, di cui peraltro Sezione aurea dà un concreto esempio. Ancora un appunto circa L’enigma del portapenne ligneo, in cui torna l’idea del cartiglio che sembra svelare una verità (“Il pittore rivela quello che gli spiriti gli dicono”) ma che in realtà l’astuccio continua a custodire gelosamente, perché per quanto ci si sforzi di leggere e di interpretarne il senso, la parte finale del messaggio rimane celato in quella sezione di foglio nascosta al nostro sguardo.
Mi piace leggere la serie La natura ricreata come un omaggio al virtuosismo costantemente ricercato nella storia della pittura, da Apelle in avanti. Come non vedere, in un’opera quale In estate, delle affinità con la Canestra di frutta ambrosiana e con la pittura fiamminga ed olandese, dove la bravura di un artista si misurava con la sua capacità di meravigliare lo spettatore? E se qui la lente si sostituisce al pennello il concetto non cambia, perché per ottenere certa resa cromatica e certi rapporti luce-ombra, l’attesa -come confessa Martin- può essere davvero molto lunga, e comunque frutto di attento lavoro. Non è anche questo virtuosismo?
L’ultima serie esposta, Trittico della Kore, esprime un felice connubio tra Natura e Storia. Una sorta di messa in atto dell’Età dell’Oro, in cui l’abbondanza della natura, si lega, o meglio corrisponde, ad un’altrettanta levatura del pensiero. Un omaggio alla cultura greca, quale culla della nostra civiltà e, forse, picco ultimo di quel vivere dell’uomo in armonia con ciò che lo circonda. E qui, la difficoltà intrinseca nel rendere fotograficamente la perfezione e la proporzione dei singoli elementi, nonché la corretta esposizione, non si identifica forse in un rincorrere dell’uomo contemporaneo quell’antica idea di Età Aurea?
Como, 9 giugno 2009

Adelinda Allegretti
Allegati
Mostre dello stesso artista:
 Invito    Catalogo  
Opere
01 Mauro Martin, Chi sei (dalla serie Geometria della memoria), fotografia 02 Mauro Martin, Come spezzare un cuore (dalla serie Geometria della memoria), fotografia 03 Mauro Martin, Autoritratto metafisico (dalla serie Geometria della memoria), fotografia
04 Mauro Martin, Composizione sentimentale (dalla serie Geometria della memoria), fotografia 05 Mauro Martin, Le due rose (dalla serie Geometria della memoria), fotografia 06 Mauro Martin, Gli amici e l'ombra (dalla serie Mitologie dell'infanzia), fotografia
07 Mauro Martin, Prospettive (dalla serie Mitologie dell'infanzia), fotografia 08 Mauro Martin, Ciao (dalla serie Mitologie dell'infanzia), fotografia 09 Mauro Martin, Meccaniche complesse (dalla serie Mitologie dell'infanzia), fotografia
10 Mauro Martin, Biscotti Atene (dalla serie Mitologie dell'infanzia), fotografia 11 Mauro Martin, La collezione (dalla serie Regola aurea), fotografia 12 Mauro Martin, Riflessi (dalla serie Regola aurea), fotografia
13 Mauro Martin, Sezione aurea (dalla serie Regola aurea), fotografia 14 Mauro Martin, L'enigma del portapenne ligneo (dalla serie Regola aurea), fotografia 15 Mauro Martin, La luce occidentale (dalla serie La natura ricreata), fotografia
16 Mauro Martin, Margherite (dalla serie La natura ricreata), fotografia 17 Mauro Martin, In estate (dalla serie La natura ricreata), fotografia 18 Mauro Martin, Disegno bianco (dalla serie La natura ricreata), fotografia
19 Mauro Martin, In estate (dalla serie Trittico della Kore), fotografia 20 Mauro Martin, Magna Grecia (dalla serie Trittico della Kore), fotografia 21 Mauro Martin, Venusina (dalla serie Trittico della Kore), fotografia
Inaugurazione






***
Adelinda Allegretti: storico dell'Arte, giornalista, curator di eventi espositivi - CREDITS