FacebookLinkedin Italiano | English
Home
Shop
Mostre
   2018
   2017
   2016
   2015
   2014
   2013
   2012
   2011
   2010
   2009
   2008
   2007
   2006
   archivio
Artisti
Corsi, workshops e lezioni
Noleggia la mostra
Gite culturali e visite guidate
Links
Contatti
Mostre

 Cultural contact V. Back to you
 Mostra collettiva

  Castello di Santa Severa, Museo Civico Archeologico, Santa Marinella (RM)
  2-9 agosto 2012
CON IL PATROCINIO DELL'AMBASCIATA DEL CANADA

Artisti selezionati: Sergio Boldrin (I), Agnese Cabano (I), Paola Caporilli (I), Tommaso De Paola (I), Christian Dorey (CA - Canada), Kenneth Engblom (S - Svezia), Francis Koch (CA - Canada), Marzia Fanecco (I), Roberta Fanfarillo (I), Bernadette Felber (A - Austria), Luc Gauthier (CA - Canada), Claudio Giulianelli (I), Paolo Ielli (I), Marie-Élaine Lalonde (CA - Canada), Micheline Landry (CA - Canada), Mauro Martin (I), Petra Mattes (D - Germania), Fiamma Morelli (I), Nick Morris (CA - Canada), Cornelia Regine Prawitt (D - Germania), Rusp@ Gianni Ruspaggiari (I), Simone Scopetani (I), Elisabetta Serafini (I), Tina Soggiu (I), Charlotte Squire (GB - Gran Bretagna), Irma Michaela Szalkay (A)

E’ il Museo Civico Archeologico di Santa Marinella (RM), situato all’interno del Castello di Santa Severa, ad ospitare la mostra dal titolo “Cultural contact V. Back to you”. Si chiude così il ciclo di mostre dell’ampio e complesso progetto “Cultural contact”, patrocinato dall’Ambasciata del Canada e maturato dopo un lungo anno di lavoro. Dopo le tappe di Venezia, Milano, Alatri (FR) e Montréal, è ancora una volta uno spazio ricco di storia a fare da cornice alle opere selezionate, situato in uno dei centri balneari più importanti della provincia di Roma.
La località denominata Santa Severa è molto antica: citata per la prima volta nell’anno 939, in realtà ha radici molto più arcaiche, essendo nata sui resti del centro etrusco-romano di Pyrgi. La prima menzione del castello risale invece al 1068, anno in cui esso viene donato dal conte Gerardo di Galeria all’abbazia di Farfa, uno dei più potenti enti ecclesiastici del Lazio medievale. Nel corso del XIII secolo il castello diviene proprietà di alcune famiglie di nobili romani, in particolare i Bonaventura, poi nel XV passa agli Anguillara. Notevoli restauri si sono succeduti nel XV secolo, con la ristrutturazione delle mura e di tutto l’apparato difensivo. Passa poi tra le proprietà dell’Ospedale del Santo Spirito e diviene una delle località di villeggiatura più frequentate dai pontefici, tra cui Gregorio XIII, Sisto V ed Urbano VIII. Utilizzato come postazione strategica dai tedeschi nel 1943, il castello di S. Severa soltanto di recente è stato oggetto di un vero interessamento da parte della pubblica Amministrazione, che ne ha avviato un definitivo recupero.
Nel borgo del Castello si trova il Museo Civico Archeologico, che accompagnerà i visitatori alla scoperta della civiltà etrusca. Sarà piacevole attraversare le stradine ed incontrare artigiani intenti al lavoro nelle proprie botteghe, in cui vengono creati deliziosi e particolari manufatti, in primis ceramiche medioevali.

Orari di apertura: tutti i giorni 10-13/17-20. Giovedì 2 agosto e sabato 4 agosto il Museo ospiterà delle conferenze, pertanto la mostra rimarrà in via eccezionale aperta anche dalle ore 21 alle 24. Questo il programma delle conferenze:
2 agosto: “Gli Dei di Pyrgi e l’universo religioso etrusco”, a cura del Dott. Daniele Maras (Università IULM Milano);
4 agosto: “Le variazioni del mare Mediterraneo: tra scienze della terra e archeologia”, a cura del Dott. Marco Anzidei (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia).
Allegati
 Invito    Invito    Catalogo  
Opere
Agnese Cabano, Fate acquatiche (2012), olio su tela, cm 30x40 Bernadette Felber, Niño Jesus, Xochimilco I, Mexico 2008, foto stampata su tela, cm 50x50 (trittico) Bernadette Felber, Niño Jesus, Xochimilco II, Mexico 2008, foto stampata su tela, cm 50x50 (trittico)
Bernadette Felber, Niño Jesus, Xochimilco III, Mexico 2008, foto stampata su tela, cm 50x50 (trittico) Charlotte Squire, Secret garden (2012), acrilico su tela, cm 70x60 Christian Dorey, Pink Lady, tecnica mista su tela, cm 15x20
Claudio Giulianelli, La balestra, pastello su cartoncino, cm 34x49 Cornelia Regine Prawitt, Im Feuernebelmeer (In the fire-fog-sea) (2010), acrilico su tela, cm 80x100 Cornelia Regine Prawitt, Komposition der Tiere (Composition of the animals) (2012), acrilico su tela, cm 50x60
Elisabetta Serafini, Giglio rosso, tecnica mista su tela, cm 30x40 Fiamma Morelli, Clare (2012), acrilico su tela, cm 100x70 Francis Koch, Swallowed by a human tsunami, tecnica mista su legno, cm 20x15
Gianni Ruspaggiari, Rio veneziano (2012), olio su tela, cm 30x30 Irma Michaela Szalkay, Creativity (2005), tecnica mista su tela, cm 30x30 Irma Michaela Szalkay, Icon Myth Eros-Pathos Venice' Spring (2010), tecnica mista su tela, cm 30x30
Irma Michaela Szalkay, Icon sadism (2011), tecnica mista su tela, cm 30x30 Irma Michaela Szalkay, Icon Siddharta (2008), tecnica mista su tela, cm 30x30 Kenneth Engblom, Casa 11 (2012), giclée su carta, cm 42x59,4
Kenneth Engblom, Casa Calvet 2 (2012), giclée su carta, cm 42x59,4 Luc Gauthier, L'épaisse carapace, tecnica mista su legno, cm 23x15x5 Marie-Elaine Lalonde, Lunae VII, fogli di ottone ossidati su legno bruciato, cm 25x25
Marzia Fanecco, Fix (2012), tecnica mista su tela, cm 60x80 Marzia Fanecco, Loly (2012), acrilico su tela, cm 60x80 Mauro Martin, Opera pop (2011), fotografia, cm 50x50
Micheline Landry, Isolée, olio su tavola, cm 61x46 Nick Morris, Fallen in love, acrilico su tela, cm 51x61 Paola Caporilli, I viaggiatori (2012), acrilico su tela, cm 50x50
Paolo Ielli, Ciò che resta (2009), olio su tela, cm 63x63 Petra Mattes, Untitled (2003), olio su tela, cm 50x50 Roberta Fanfarillo, La tazzina (2008), acrilico su tela, cm 70x90
Sergio Boldrin, Il giullare come una cariatide (2012), olio su tela, cm 50x50 Sergio Boldrin, Oppressione (2012), olio su tela, cm 50x50 Tina Soggiu, Omaggio a Klee. Gatto e uccello (2012), tecnica mista su tela applicata su tavola, cm 90x90
Tommaso De Paola, Leggera deformazione (2011), acrilico su tela, cm 50x50
Inaugurazione





































***
Adelinda Allegretti: storico dell'Arte, giornalista, curator di eventi espositivi - CREDITS