FacebookLinkedin Italiano | English
Home
Shop
Mostre
   2022
   2021
   2020
   2019
   2018
   2017
   2016
   2015
   2014
   2013
   2012
   2011
   2010
   2009
   2008
   archivio
Artisti
Corsi, workshops e lezioni
Noleggia la mostra
Gite culturali e visite guidate
Links
Contatti
Mostre

 Paola Fiori. Il Re in equilibrio sui tacchi a spillo
 Mostra personale

  Antica Fornace Grazia, Deruta (PG)
  2-30 agosto 2014
Con il patrocinio del Comune di Deruta e della Pro-Deruta

Non è semplice spiegare cosa sia per me l’arte. E' quella parte di me che mette a tacere il raziocinio e che con prepotenza mi rapisce portandomi con sé in viaggi con mete ignote.
E’ il Re che governa la mia anima, la bestia primitiva che morde quando ha fame, l’amante capricciosa che non puoi accantonare.
Lei trascende la mia volontà; io sono strumento e spettatore al contempo.
Nulla è studiato a priori prima di eseguire qualsiasi atto creativo, a volte mi sento come il mago che non sa cosa estrarrà dal suo cilindro.

Paola Fiori

Quello descritto da Paola Fiori è un universo surreale, a tratti onirico, certamente metafisico. Parole, le mie, soppesate una ad una, nel tentativo non tanto di dare una chiave di lettura, quanto di rendere lo spettatore consapevole della complessità del mondo sul quale si appresta ad aprire un varco. Questa mia attenta ricerca lessicale comincia già, a dir la verità, con la scelta del titolo della mostra. Apparentemente assurdo, in realtà esso rende appieno l’idea di immagini che si stratificano l’una sull’altra, di significati e storie che si intrecciano, talvolta in maniera palese e talaltra sfiorandosi appena, destabilizzando la parte più razionale che è in noi. Pertanto l’apparente non-senso, sottintende l’atto di guardare il mondo da un’altra angolazione.
Se tanto ci affascina questo strano mondo messo in scena da Paola è perché ne riconosciamo degli elementi come reali (alcune figure, l’uovo, certe ambientazioni ed animali) ed altri come potenzialmente tali, ovvero che hanno qualcosa di familiare ma risultano stranianti ai nostri occhi. E questo non può che colpire la nostra fantasia, stimolare il nostro intelletto ad alternative chiavi di lettura, cercare chissà dove risposte coerenti ed in grado di soddisfare la nostra razionalità. Ma in realtà per approcciare a tali opere bisogna avere il coraggio di rompere quegli schemi ben radicati in noi ed essere aperti e pronti a fare un salto nel vuoto.
In Lo strano equilibrio della natura (2008) la sensazione è quella di trovarsi in una sorta di mondo alternativo o parallelo, in cui scompare l’ambiente cui siamo abituati, sostituito da singoli elementi pseudo-fitomorfi o pseudo-animali, quindi con una lontana parvenza “naturale”, in cui però regna un senso di pace, di equilibrio, di armonia oserei dire persino “classica”, tanto è bello quel volto femminile, così aulico da essere fuori dal tempo. E così la pennellata pulita, calibrata, la scelta cromatica tanto ampia ma al contempo non urlata, giocata su tinte quasi pastello, tutto concorre a dare un’idea di pulizia formale, esteriore quanto interiore.
Questa analisi sulla struttura (l’equilibrio), sulla ricerca iconografica (elementi pseudo-fitomorfi e pseudo-animali) e sulla cromia potremmo in realtà estenderla a molte altre opere, a dimostrazione del fatto che pur nell’apparente non-senso o surrealismo, in realtà la ricerca artistica di Paola segue una linea ben definita, come una freccia ormai scoccata che determina e disegna una traiettoria precisa ed inesorabile avanti a sé. Se parliamo di equilibrio, infatti, lo ritroviamo in opere quali Il dialogo (2001) o Il peso del gioco (2004), fino al più recente Le Sfingi (2014). Se si tiene conto degli anni di realizzazione delle opere citate sarà ancora più facile identificare questa sorta di fil rouge. E che dire di quelle forme organiche che fungono da quinta teatrale in Equilibri (2005)? O di quelle che, tra uccelli e rettili preistorici, compaiono in Tavolo primitivo (2009)?
Ma ci sono anche altri elementi che ricorrono costanti negli anni. Primo su tutti l’uovo. E qui l’elenco si fa davvero lungo. Quella forma perfetta, di pierfrancescana memoria, la ritroviamo ne I cigni (1998), La prostituta (2001), Il peso del gioco (2004), Dee in preghiera (2008), Le opposte evoluzioni (2014), ovvero dall’inizio del percorso artistico ad oggi.
Mi piace leggere la ricerca pittorica di Paola come un percorso personale, intimo, profondo. Una pittura certamente non alla portata di chiunque, ma per quanti non accontentandosi di ammirare la realtà tout-court, cercano una via per superarla ed approdare all’Essenza.
Adelinda Allegretti
Allegati
Mostre dello stesso artista:
 Invito    Catalogo    Catalogo  
Opere
Paola Fiori, Animali corazzati e piegati. L'era glaciale (2005), olio su tela, cm 100x100 Paola Fiori, Anima e corpo (2003), olio su tela, cm 35x45 Paola Fiori, Calla (2005), olio su tela, cm 50x60
Paola Fiori, Clessidra musicale (2003), olio su tela, cm 50x70 Paola Fiori, Conchiglia sommersa (2010), olio su tela, cm 40x80 Paola Fiori, Danza di fuoco (2014), olio su tela, cm 120x70
Paola Fiori, Dee in preghiera (2008), olio su tela, cm 100x100 Paola Fiori, Donna a pezzi (2003), olio su tela, cm 35x45 Paola Fiori, Dromedario (2006), olio su tela, cm 30x40
Paola Fiori, Equilibri (2005), olio su tela, cm 100x80 Paola Fiori, Giovane puledro diventa uomo (2006), olio su tela, cm 30x40 Paola Fiori, Il dialogo (2001), olio su tela, cm 50x70
Paola Fiori, Il peso del gioco (2004), olio su tela, cm 50x70 Paola Fiori, Il premio (2008), olio su tavola, cm 80x180 Paola Fiori, Il Re (2001), olio su tela, cm 45x35
Paola Fiori, Infanzia e sole (2008), olio su tela, cm 30x40 Paola Fiori, I cigni (1998), olio su tela, cm 70x50 Paola Fiori, L'attesa su di un tacco (2006), olio su tela, cm 30x40
Paola Fiori, L'idea-L'augurio (2008), olio su tela, cm 160x50 Paola Fiori, L'incudine (2003), olio su tela, cm 35x45 Paola Fiori, L'indiano (2004), olio su tela, cm 70x50
Paola Fiori, La calma del tempo (2006), olio su tela, cm 250x80 Paola Fiori, La lumaca (2002), olio su tela, cm 70x50 Paola Fiori, La prostituta (2001), olio su tela, cm 30x40
Paola Fiori, La strada (1998), olio su tela, cm 70x50 Paola Fiori, Le opposte evoluzioni (2014), olio su tela, cm 200x50 (dittico) 1 Paola Fiori, Le opposte evoluzioni (2014), olio su tela, cm 200x50 (dittico) 2
Paola Fiori, Le Sfingi (2014), olio su tela, cm 50x60 Paola Fiori, Lo strano equilibrio della natura (2008), olio su tela, cm 180x100 Paola Fiori, Madre (2008), olio su tela, cm 30x50
Paola Fiori, Maturità e acqua (2008), olio su tela, cm 30x40 Paola Fiori, Medusa (2003), olio su tela, cm 45x35 Paola Fiori, Metamorfosi serale (2006), olio su tela, cm 40x30
Paola Fiori, Microcosmi (2008), olio su tela, cm 200x100 Paola Fiori, Morte e piombo (2008), olio su tela, cm 30x40 Paola Fiori, Musica animali e mattoni (2002), olio su tela, cm 200x80
Paola Fiori, Nascita e sangue (2008), olio su tela, cm 30x40 Paola Fiori, Padre (2008), olio su tela, cm 30x50 Paola Fiori, Pendolo sentimentale (2008), olio su tela, cm 80x60
Paola Fiori, Percorso di vita (2003), olio su tela, cm 200x50 Paola Fiori, Rispetto (2008), olio su tela, cm 100x100 Paola Fiori, Sguardi su piedistalli (2004), olio su tela, cm 70x50
Paola Fiori, Statue di pelle e le loro anime (2009), olio su tela, cm 147x100 Paola Fiori, Tavolo primitivo (2009), olio su tela, cm 80x40 Paola Fiori, Vergini guerriere (2006), olio su tela, cm 50x100
Inaugurazione



























































***
Adelinda Allegretti: storico dell'Arte, giornalista, curator di eventi espositivi - CREDITS