FacebookLinkedin Italiano | English
Home
Shop
Mostre
   2022
   2021
   2020
   2019
   2018
   2017
   2016
   2015
   2014
   2013
   2012
   2011
   2010
   2009
   2008
   archivio
Artisti
Corsi, workshops e lezioni
Noleggia la mostra
Gite culturali e visite guidate
Links
Contatti
Mostre

 Gabriela Bernales
 Monografia. Testi critici di: Adelinda Allegretti, Romano Battaglia, Toti Carpentieri, Raúl García Montero, Mario Pomara, Giorgio Seveso

  Schubert Editore, Milano
  Giugno 2000
Ogni espressione artistica, nel senso più ampio del termine, è sì la risultante di tutta una serie di esperienze, incontri ed intuizioni, ma a rendere un’opera unica ed irripetibile nel suo genere sono le emozioni che riesce a trasmettere a chi le osserva. E’ proprio questo a fare di Gabriela Bernales un’artista "vera", che non ha paura di manifestare al mondo intero i suoi sentimenti. Lo dimostrano Enamorados (1991) e Mi madre adorata, che esprimono quella sincerità degli affetti che contraddistingue, prima ancora delle sue opere, la sua persona. Spontaneità, semplicità ed umiltà sono doti rare, che Bernales riesce a sua volta a trasmettere nel suo lavoro. Il ritratto della madre esprime eleganza e austerità, ma al contempo dietro ogni segno, ogni singola pennellata c'è l'amore incondizionato che lega l'artista all'adorata figura materna.
Nata e cresciuta in Perù, sebbene da una famiglia benestante, Bernales ha visto fin troppa povertà e dolore, che la sua indole non le ha consentito di gettarsi alle spalle, come qualcosa appartenuto al passato e dimenticato per sempre. Sono questi i sentimenti che aleggiano ne El grito del dolor e Muerte del padre (1992), dipinti ancoa in grado di raggiungere elevati livelli di pathos, che molta arte non riesce più ad esprimere. La sua non vuole essere una pittura "di concetto", ma immediata, che prende le mosse dalla realtà quotidiana, dai piccoli e grandi drammi della vita di tutti i giorni, ma anche dai momenti di gioia e serenità. Gli anni gi studio condotti presso l'Accademia di Belle Arti di Brera hanno lasciato un segno indelebile.
Cambiano il contesto sociale ed i soggetti raffigurati, ma quella che rimane invariata è la volontà di confrontarsi direttamente con il proprio mondo. Marcha estudiantil si fa portavoce di una denuncia gridata a piena voce; ne sono protagonisti alcuni giovani, suoi coetanei, che hanno il coraggio di rivendicare i propri diritti. Anche quando affronta tematiche come questa Bernales non fa altro che raccontare il proprio mondo. In questo consiste la sua pittura: raccontare ciò che viene vissuto in prima persona, quindi la propria vita, assunto nel quale grandi artisti hanno già creduto, unico modo per "sentire" i soggetti dipinti.
Pur guardando ed ammirando i grandi artisti del passato (van Gogh e Picasso non sono che un esempio), qualsiasi "etichetta" si volesse attribuire al lavoro della Bernales risulterebbe inadatta, in quanto restrittiva. Nella sua pittura c'è un'indubbia conoscenza dei maestri e delle opere che hanno contribuito a scrivere la storia dell'arte, ma allo stesso tempo c'è un'assimilazione che si evolve in una cifra del tutto personale, originale, che si distacca profondamente da ciò che può essere definito il "punto di partenza". Lo dimostrano i nudi: persino l'omaggio a Marylin Monroe, fotografata e ritratta migliaia di volte, acquista una freschezza nuova, inaspettata. La stessa intensità ricorre in opere quali Fanciulla snella e bruna... e Mi piaci silenziosa perchè sei come assente... (1998).
Tra gli ultimi lavori troneggia la serie dei matadores, dal forte impatto visivo ed emotivo. Uomo e toro, intelligenza e forza che si fronteggiano e si confrontano. Le corride, trasposizione in chiave moderna dell'antica tauromachia, ci hanno abituati alla vittoria dell'uomo sulla forza animale. Anche nelle opere di Bernales il toro è sanguinante, ferito a morte, agonizzante, ma altrettanto spesso è il matador ad avere la peggio, ad essere scaraventato in aria dalla furia animale, o calpestato in una pozza di sangue. Eppure, nonostante la tematica e la violenta cromia, non c'è raccapriccio in questi lavori di gusto espressionistico che, al contrario, esprimono una straordinaria vitalità.

Torino, 20 dicembre 1999
Mostre dello stesso artista:
Opere
Gabriela Bernales, Composizione (1996), acrilico su tela, cm 55x55 Gabriela Bernales, Composizione (1998), olio su tela, cm 70x50 Gabriela Bernales, El amor (1994), olio su tela, cm 70x50
Gabriela Bernales, El matador... (1999), olio su tela, cm 200x200 Gabriela Bernales, El matador III (1998), olio su tela, cm 100x100 Gabriela Bernales, El Matador II (1997), olio su tela, cm 100x100
Gabriela Bernales, El matador IV (1998), olio su tela, cm 100x100 Gabriela Bernales, El Matador I (1997), olio su tela, cm 100x100 Gabriela Bernales, El matador V (1999), olio su tela, cm 100x100
Gabriela Bernales, Enamorados (1991), olio su tela, cm 70x60 Gabriela Bernales, Fanciulla snella e bruna... (1996), olio su tela, cm 80x100 Gabriela Bernales, Fiori (1994), olio su tela, cm 80x100
Gabriela Bernales, Frutti (1996), olio su tela Gabriela Bernales, Furia (1995), olio su tela, cm 70x50 Gabriela Bernales, Karina (1998), olio su tela, cm 85x120
Gabriela Bernales, Le ninfee (1999), olio su tela, cm 100x80 Gabriela Bernales, Marcha estudiantil, olio su tela Gabriela Bernales, Marcha estudiantil (1997), olio su tela, cm 100x100
Gabriela Bernales, Mi madre adorada (1994), olio su tela, cm 80x100 Gabriela Bernales, Muerte del padre (1992), olio su tela, cm 100x80. Coll. Istituto Italiano di Cultura di Lima Gabriela Bernales, Natura morta, olio su tela (1996)
Gabriela Bernales, Nectar de la vida, olio su tela, cm 80x100 Gabriela Bernales, Non mancheranno mai... (1999), olio su tela, cm 50x70 Gabriela Bernales, Nudo (1994), olio su tela, cm 50x80
Gabriela Bernales, Pamplona (1999), olio su tela, cm 200x200 Gabriela Bernales, Prigionieri (1996), olio su tela, cm 100x100 Gabriela Bernales, Senza titolo (2000), olio su tela, cm 200x200
Gabriela Bernales, Tenerezza (1993), olio su tela, cm 80x100 Gabriela Bernales, Violento il cuore batte e sbatte... (2000), olio su tela, cm 130x101 Gabriela Bernales, Volcan... (1999), olio su tela, cm 100x100
***
Adelinda Allegretti: storico dell'Arte, giornalista, curator di eventi espositivi - CREDITS