FacebookLinkedin Italiano | English
Home
Shop
Mostre
   2022
   2021
   2020
   2019
   2018
   2017
   2016
   2015
   2014
   2013
   2012
   2011
   2010
   2009
   2008
   archivio
Artisti
Corsi, workshops e lezioni
Noleggia la mostra
Gite culturali e visite guidate
Links
Contatti
Mostre

 Dina Moretti
 Mostra personale

  Galleria AB-Arte Bastia, Milano
  8 novembre - 2 dicembre 2008
Dipingere oggi sembra esser diventata attività desueta, ai margini di una contemporaneità nella quale i riferimenti linguistici, storici e iconografici si sono vorticosamente moltiplicati. Mi sento molto coraggiosa nell’addentrarmi in una riflessione che tenta di cogliere le costanti esistenziali che accompagnano l’uomo fin dagli albori della sua e della mia storia cercando poi di suggerirmi e di suggerire sintesi iconologiche relative al nostro tempo e alle mie esperienze di vita. Come disse Picasso: “La pittura è una professione da cieco: uno non dipinge ciò che vede, ma ciò che sente, ciò che dice a se stesso riguardo a ciò che ha visto”. Attimi che si fondono con la poesia, in un atteggiamento religioso (nel senso simbolico del termine “religo” cioè riunisco) e nel quale l’humana virtus può ritrovare una collocazione plausibile per rapporto alle schizofrenie, alle manie, alle mode e agli assurdi del contemporaneo che la stessa storia dell’arte con i suoi malintesi ha generato. Mi rendo conto che l’uso frequente del nero nei miei dipinti contiene aspetti metaforici e simbolici anche per rapporto al tempo presente, in cui il progresso tecnologico e le perversioni del mercato, inneggiano ad una politica di consumismo pornografico o “romantico” dei sentimenti. Se non si riassume l’iconologia e la simbologia riferita al color nero in uno stereotipo riferito alla negatività e alla morte, il nero che propongo spesso scaldato con catrame liquido, ha molteplici risvolti in una riflessione sul senso del contemporaneo. È forse tipico di molti periodi di decadenza culturale e, oggi, anche di degrado ambientale, che urge ravvicinarsi con autenticità e umiltà all’essenza e all’origine delle cose per poter rintracciare connessioni analogiche tra fisica, metafisica, metafora e simbolo. In questo senso cerco di vivere ed operare con una ragion d’essere che coniughi il presente con la poesia di un futuribile, in una sorta di sospensione alchemica tangibile nei miei lavori al nero.

Dina Moretti

Dina Moretti è nata a Lugano nel 1958.
Dopo gli studi all'Istituto Magistrale, si è diplomata all'Accademia delle Belle Arti di Brera (Milano-Italia) nel 1985.
Mostre dello stesso artista:
Opere
Senza titolo (2007), olio su carta e gesso, cm 55x65 Senza titolo (2007), olio su carta e gesso, cm 55x65 b Senza titolo (2007), olio su carta e gesso, cm 55x65 c
Senza titolo (2007), olio su carta e gesso, cm 55x65 d Senza titolo (2007), olio su carta e gesso, cm 55x65 e Senza titolo (2007), olio su carta e gesso, cm 55x65 f
Senza titolo (2007), olio su carta e gesso, cm 55x65 g Senza titolo (2007), olio su carta e gesso, cm 55x65 h Senza titolo (2007), olio su carta e gesso, cm 55x65 i
Senza titolo (2007), olio su carta e gesso, cm 55x65 l Senza titolo (2007), olio su carta e gesso, cm 55x65 m
Inaugurazione





***
Adelinda Allegretti: storico dell'Arte, giornalista, curator di eventi espositivi - CREDITS